Software Verifiche attrezzature di lavoro

per Organismi di Ispezione abilitati ad attività di ispezione secondo all. VII D. Lgs. 81/08 – DM

VERIGEST, il software per verifiche di attrezzature di lavoro

Compensi INAIL, listini ministeriali, rendicontazioni trimestrali... Chi opera nel settore delle ispezioni secondo all. VII D. Lgs. 81/08 – DM sa bene quanto complessa e farraginosa possa essere la gestione di tali attività rendendo di fatto necessaria l'adozione di uno strumento di lavoro specifico che possa ottimizzare tempi e relativi costi di gestione.
Verigest è la risposta a tali esigenze! 
Consulta di seguito alcuni specifici approfondimenti relativi al mondo delle ispezioni su attrezzature di lavoro o visiona in dettaglio tutte le funzionalità del software verifiche ispettive nr. 1 in Italia.



Verifiche periodiche attrezzature di lavoro, all. VII D. Lgs. 81/08 – DM 11/04/2011

Il Decreto Legislativo 9 Aprile 2008, nr. 81 è l’attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
L’articolo 71 del Decreto in questione definisce gli obblighi del datore di lavoro assicurandosi come da comma 11 che le attrezzature siano sottoposte a verifiche di controllo periodiche volte a valutarne l’effettivo stato di conservazione e di efficienza finalizzati a garantirne l’utilizzo in totale sicurezza anche in funzione del luogo di installazione della stessa attrezzatura di lavoro.

Classificazione delle Attrezzature di lavoro, tipologia di verifiche periodiche e relativa periodicità

Il Decreto Ministeriale 11 Aprile 2011 disciplina le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’allegato VII del D. Lgs. 81/08 classificando anche tutte le attrezzature, la tipologia di verifiche periodiche necessarie e relativa periodicità.
In base alla tipologia di attrezzatura, alla tipologia di verifica, al luogo in cui è stata installata ed in certi casi anche all’età stessa dell’attrezzatura la periodicità può variare anche significativamente.

VERIGEST predispone una gestione molto specifica per tale genere di settore offrendo la possibilità di registrare tutte le attrezzature attraverso un’accurata classificazione organizzata per:
  • Attrezzature di lavoro di sollevamento (SP-SC) tra cui:
    • Autogru e simili
    • Argani e paranchi
    • Ascensori e montacarichi da cantiere
    • Carri raccogli frutta;
    • Carri semovibili a braccio fisso e girevole
    • Gru a ponte
    • Gru portale
    • Gru cavalletto
    • Gru derrik
    • Gru a braccio fisso o girevole su autocarro
    • Gru a torre
    • Gru a struttura limitata
    • Piattaforme di lavoro autosollevanti
    • Ponti mobili motorizzati o manuali
    • Scale aeree motorizzate o manuali
  • Attrezzature di lavoro a idroestrattori:
    • A carica continua e discontinua
    • Con solventi infiammabili
  • Attrezzature di lavoro a pressione:
    • Forni
    • Generatori e recipienti per liquidi diversi dall’acqua
    • Generatori di vapor d’acqua
    • Impianti termici
    • Recipienti di gas instabili, liquidi, vapor d’acqua, fluidi, gas o vapori di diversi gruppi e categorie
    • Tubazioni gas e liquidi di diversi gruppi e categorie
L’intera classificazione è concepita per una corretta e semplice applicazione del relativo listino ministeriale imposto e facendo sì che il gestionale possa determinare per ciascuna tipologia di attrezzatura registrata a sistema le verifiche necessarie e la relativa periodicità tenendo conto anche del luogo di installazione e in certi casi anche dell’età stessa dell’attrezzatura.
VERIGEST predispone la possibilità di determinare e gestire tutte le tipologie di prima verifica periodica e verificazione periodica in genere per ciascuna tipologia di attrezzatura.

In base alla tipologia di attrezzatura sono infatti contemplate diverse quanto specifiche tipologie di attività ispettive quali:
  • Prima verifica periodica
  • Verifica periodica successiva alla prima
  • Verifica di funzionamento
  • Verifica di integrità
  • Verifica interna
Per ognuna delle attività su esplicitate è previsto una determinata periodicità indicata automaticamente dal gestionale ed in grado di tener conto, ove previsto, anche dell’età dell’attrezzatura ed il luogo di installazione.

Il listino ministeriale imposto, l’adeguamento ISTAT e lo sconto massimo applicabile

Gli Organismi abilitati alla verificazione periodica delle attrezzature di lavoro hanno l’obbligo di attenersi ad un “listino imposto” o in gergo anche chiamato “Listino ministeriale” per la sottoposizione delle proprie offerte. Un altro importante vincolo è rappresentato dallo sconto massimo imposto che nella fattispecie non può superare il 15%.
Verigest è fornito con annesso listino ministeriale già aggiornato e periodicamente adeguato.
Grazie inoltre al controllo sull’applicazione dello sconto massimo consentito è possibile generare offerte in totale tranquillità evitando di incorrere quindi in spiacevoli errori.

La quota “compenso” INAIL in fattura

La determinazione della quota del compenso INAIL costituisce sicuramente un altro aspetto fondamentale da gestire per tutti gli Organismi operanti nel settore delle attrezzature di lavoro.
Verigest predispone a tal riguardo una gestione pressoché automatica del calcolo della quota INAIL arrivando a generare la fattura di vendita in modo davvero rapido e senza il rischio di commettere errori.

A tal riguardo sono contemplati diversi e distinti casi:
  • Prima verifica periodica su rinuncia INAIL
    Per tale caso non è prevista l’applicazione di nessuna quota INAIL in fattura e la fattura finale deve riportare un imponibile IVA pari all’85% della tariffa Ministeriale.
  • Prima verifica periodica su incarico diretto del datore di lavoro, dopo i 45 gg.
    In questo caso il compenso INAIL è pari al 5% ed applicato sulla tariffa Ministeriale originaria indipendentemente da eventuali sconti applicati. (Risoluzione interpello Agenzia delle Entrate 954-649/2013 del 29/01/2019); In questo caso la fattura deve riportare un imponibile IVA pari al 95% della tariffa Ministeriale.
  • Verifica periodica successiva alla prima
    In questo caso l’incarico è sempre diretto del Datore di Lavoro ed il compenso è pari al 5% applicato su tariffa Ministeriale originaria indipendentemente da eventuali sconti applicati. (Risoluzione interpello Agenzia delle Entrate 954-649/2013 del 29/01/2019 - FCI). In questo caso la fattura deve riportare un imponibile IVA pari alla differenza tra Listino ministeriale e sconto applicato.

La rendicontazione INAIL

Chi si occupa di verifiche inerenti il settore delle attrezzature di lavoro sa bene l’onere ed il relativo dispendio di energie derivante dalla compilazione della rendicontazione trimestrale richiesta dall’INAIL.
La rendicontazione richiesta dall’INAIL prevede la compilazione di un file Excel di tutte le verifiche eseguite assieme all’invio in formato pdf di verbali di verifica, schede tecniche e fatture.
Il nome di ogni file allegato è imposto dal report in quanto generato secondo specifici algoritmi inseriti direttamente su file Excel costringendo di fatto gli addetti di ogni Organismo a ore se non giorni di lavoro ed esponendoli a notevoli rischi di errore.
Verigest in tal senso rappresenta la soluzione software per verifiche di attrezzature di lavoro pensato anche per fornire una soluzione efficace e definitiva a tale problematica operativa.
Attraverso un’apposita area consente di generare con un click il report INAIL in formato Excel già compilato con annessi allegati in formato pdf (Verbali, Schede tecniche, Fatture) già rinominati secondo le specifiche richieste. Tutto senza il minimo errore e dispendio di tempo!
Ecco perché se dici: Gestionale Verifiche attrezzature di lavoro dici VERIGEST!
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie OK